Bruxismo: tutto quello che c’è da sapere

 

bruxismo

 

Come mai stringo i denti la notte? Ansia? Stress? Soffro di bruxismo? Quali sono le cause dello sfregamento notturno dei denti? Come mai mi fa male la schiena? Il bruxismo e il dolore cervicale sono collegati? Il mio bambino soffre di bruxismo? Cosa fare? Quali sono i rimedi efficaci per smettere di digrignare i denti la notte?  Se vi fate spesso queste domande è chiaro che vi svegliate spesso con un dolore diffuso alla mascella e alla cervicale. In questa guida abbiamo raccolto per voi tutto quello che dovete sapere su uno dei disturbi del sonno più diffusi al mondo: il bruxismo o sfregamento dei denti notturno.

Bruxismo: cos’è?

 

bruxismo

 

Quante volte vi è capitato di stringere, digrignare o sfregare i denti? Questo involontario comportamento dell’apparato orale è conosciuto con il termine di Bruxismo e può avvenire sia durante il riposo notturno che nel corso della giornata. Il bruxismo viene generalmente considerato come una parafunzione, perchè non fa parte delle regolari azioni fisiologica della bocca. Si tratta di un’abitudine scorretta che va ad associarsi ad altri comportamenti dannosi per l’apparato masticatorio come mordersi le labbra, morsicare penne o matite, masticare chewing gum e mangiarsi le unghie.

Il Bruxismo ha diverse conseguenze sulla salute e può andare ad intaccare il benessere di diverse componenti dell’ organismo. Prima di vedere nel dettaglio le cause e i rischi di questo problema, va prima capito da quale tipologia di Bruxismo si è affetti:

Bruxismo notturno

Il bruxismo notturno è il bruxismo classico. Solitamente colpisce nella fase del sonno leggero (Fase REM) arrivando ad esercitare fino a 45 kg/cm² di pressione sui denti. Il benessere del sonno e del risveglio sono minacciati dal bruxismo e i suoi effetti possono avere fastidiose ripercussioni anche nell’arco della giornata.

Bruxismo diurno

Il bruxismo diurno rientra invece nei disturbi posturali perchè comporta un aumento dei muscoli cranio-cervicali e paravertebrali. Durante la giornata questi muscoli vengono messi sotto stress diverse volte e spesso, presi dagli impegni, non ci accorgiamo nemmeno di stringere o sfregare i denti. Per questo motivo questa tipologia di bruxismo è meno indagata di quella classica ma presenta quasi la stessa incidenza. Inoltre, lo sfregamento dei denti diurno, colpisce frequentemente gli sportivi a causa delle contratture muscolari. Sia che si tratti di sportivi dilettanti o professionisti, entrambi vanno a sforzare i muscoli cervicali e paravertebrali, collegati al problema del bruxismo.

Il bruxismo cosa causa?

Sono molti i problemi che il bruxismo può causare all’apparato masticatorio ma prima di vederli nel dettaglio è importante fare un’altra piccola distinzione tra digrignamento e serramento. Il primo, detto anche bruxismo orizzontale comporta forti attriti laterali tra le arcate con un movimento a sfregamento che consuma i denti. È contraddistinto da rumore continuo, denti limati e spostamento dei denti. Il secondo, detto anche bruxismo verticale, è più silenzioso del primo ma comporta rigide contrazioni dei muscoli elevatori. In pratica la dentatura viene serrata in un morso eccessivamente stretto che provoca un sovraccarico sui denti e uno sforzo muscolare importante. È infine possibile che ci sia anche una situazione di sbattimento dei denti, ovvero rapide contrazioni della mascella che portano le arcate dentali a sbattere tra loro. A lungo andare tutte queste situazioni potrebbe portare a:

  • Rumori e dolori alle articolazioni mandibolari, soprattutto al risveglio.
  • Continua usura dei denti fino a diventare piatti e affilati, un pericolo per palato e lingua (digrignamento)
  • Il rumore prodotto dal digrignamento dentale può essere così intenso da disturbare il vostro sonno o quello di chi dorme con voi.
  • Usura dello smalto dentale che può portare ad avere denti molto sensibili alle temperature. Inoltre potreste sentire fastidi provocai dalle setole dello spazzolina che sfregano sulle superfici indebolite dei denti. (serramento)
  • Le pressioni provocate soprattutto dal serramento possono portare alla spaccatura dei denti e all’indebolimento dell’osso mascellare. Si potrebbe avverire anche ulteriore mobilità di ogni singolo dente per via dello sfregamento combinato a serramento.
  • Senso di fatica nella muscolatura masticatoria che non riuscendo a riposare nemmeno di notte entra in uno stato di fastidio e dolore cronico.

Bruxismo: cause dell’usura dei denti

 

bruxismo

 

Stress, tensioni psico-fisiche, ansia, gli episodi di angoscia dovuti ai problemi della giornata sono ritenuti tra i maggiori responsabili del bruxismo. Scientificamente però non sono state ancora individuate delle cause specifiche dell’usura dei denti. Più che a cause vere e proprie, si pensa infatti a situazioni e problemi che favoriscono lo sviluppo del bruxismo:

Cause di matrice fisiologica

  • Malocclusione, mancanza di una corretta chiusura delle arcate dentali o problemi alla mascella;
  • Postura scorretta, i problemi della schina si riversano sui denti e viceversa;
  • Altri disturbi del sonno, come roncopatia o insonnia;
  • Disfunzioni del sistema nervoso.

Cause di origine psicologiche

  • Ansia, stress e tensioni giornaliere e ripetute;
  • Aggressività, competitività o iperattività eccessiva, voler fare troppe cose spinge l’organismo oltre i limiti appunto si dice “stringere i denti” nelle situazioni più difficoltose;
  • Rabbia, aspettativa non ripagata, frustrazioni o desideri inespressi;
  • Mancanza di tranquillità e relax necessario, tempo schiavo della routine.

Altre cause

  • Uso di antidepressivi e droghe, potrebbero portare a problemi psicologici;
  • Uso eccessivo di caffeina e alcolici, potrebbero portare a problemi fisiologici.

Bruxismo: sintomi per riconoscerlo

 

bruxismo

 

Soffro di Bruxismo? Come faccio a capirlo? Fortunatamente c’è tutta una serie di sintomi che la maggior parte delle persone che digrigna i denti avverte e che può aiutarvi a inquadrare il vostro disturbo. Molte persone non ci fanno caso ma è bene fare molta attenzione se incorrete spesso nei seguenti fastidi:

  • Secchezza delle fauci;
  • Mancanza di equilibrio con annessa sensazione di orecchie ovattate e dolore all’ orecchio;
  • Difficoltà ad aprire la bocca completamente, fatica a deglutire, a masticare accompagnata da scricchiolio della mascella;
  • Tennsione muscolare nella zona delle guance fastidi alle tempie;
  • Mal di testa continui e immotivati;
  • Denti con sensibilità elevata al caldo e al freddo;
  • Dentatura appiattita e dolorante, canini affilati, denti mobili;
  • Rigidità dei muscoli cervicali.

Bruxismo bambini: come fermarlo sul nascere

 

bruxismo

 

Il bruxismo nei bambini, al pari di un lungo pianto liberatorio oppure al gesto di succhiarsi il pollice, è un modo che i bambini hanno per sfogare eventuali tensioni emotive. Alcuni genitori chiedono al pediatra, preoccupati dai rumori notturni della dentatura del bambino. In realtà tutti i bambini bruxano e il problema diventa tale solo quando il rumore e il tempo dedicato al bruxismo si prolunga per tutta la notte.

L’addormentarsi è un momento in cui il bambino deve confrontarsi con le paure inconsce abbandonandosi al sonno, quello che gli antichi chiamavano “piccola morte”. Nei sonni troppo agitati del bambino, i genitori possono intervenire magari accarezzandogli la testa o sussurrando dolcemente qualche parola per confermare la loro presenza al piccolo. Il bambino però dovrà imparare da solo a gestire l’addormentamento e a risolvere con la crescita il bruxismo. Nel caso poi il disturbo non dovesse risolversi da solo è caldamente consigliato rivolgersi ad un medico.

Bruxismo e cervicale: digrignare i denti fa male al collo e alla schiena

 

bruxismo

 

Soffrite di mal di schiena da una vita, avete provato di tutto ma magari non sapete che il vostro problema viene dal bruxismo. I denti corrispondono alle vertebre delle spina dorsale che a loro volta corrispondono alle ghiandole e agli organi più importanti del nostro corpo. È quindi chiaro che un disturbo ai denti può portare scompensi in tutto l’organismo. Inoltre l’occlusione della mandibola è collegata ai muscoli della lingua che a sua volta è in relazione con il cranio, ecco perchè il bruxismo può portare anche a fastidiose nevralgie.

Il comportamento scorretto dell’apparato masticatorio, dovuto ad episodi di bruxismo, porta a tensioni muscolari e vertebrali importanti che potrebbero causare dolore e infiamamzioni. Inoltre le contrazioni muscolari della mascella si ripercuotono sulla zona cervicale portando ad un irrigidimento del collo e della sua mobilità.

Bruxismo: rimedi migliori per smettere di stringere i denti la notte

 

bruxismo

 

Scegliere il rimedio per non bruxare più adatto alla propria patologia potrebbe risultare molto complesso. C’è chi si affida ai rimedi naturali, i cosiddetti “rimedi della nonna” che sfruttano le propietà benefiche di alcune piante. C’è chi è costretto a ricorrere ad alcuni strumenti per correggere la postura o rilassare i muscoli. E c’è anche chi ha tutto un preciso rituale per rilassarsi prima di dormire, evitando ogni tensione, ma quali sono i rimedi migliori per non bruxare?

Bite per non bruxare

Questi dispositivi sono utili a modificare la postura della mascella durante il sonno. Il bite allenta la pressione esercitata sui denti, corregge un’eventuale malocclusione della bocca e rilassa la muscolatura del viso. Eistono due tipologie di bite: quelli modellabili che possono essere acquistati in negozi specifici e su internet e quelli dentistici che invece vengono fatti su misura da uno specialista.

Rimedi naturali per non bruxare

I prodotti naturali contro il bruxismo sono di diverse tipologie ma si basano tutti sul principio attivo di alcune erbe medicinali capaci di donare rilassatezza e sonni meno dolorosi per i vostri denti. Le erbe migliori contro il bruxismo sono: Melissa, Griffonia, Luppolo, Tilia ma anche minerali come calcio e magnesio.

Rilassarsi prima di dormire

Spesso non c’è bisogno ne di erbe rilassanti ne di dispositivi dentali, per smettere di bruxare basta mantenere delle buone abitudini. Cibo più salutare, sport quotidiano, relax fisico e mentale, capacità di controllare la propria routine e di non farsi sommergere dai problemi. Sono piccole cose che spesso vengono dimenticate eppure molto importanti per le corrette funzioni dell’apparato masticatorio e quindi dell’ organismo.

Di seguito puoi trovare le nostre guide all’acquisto con i consigli e i prodotti migliori per risolvere i tuoi disturbi del sonno e combattere il bruxismo:

bruxismo rimedi naturali

Bruxismo rimedi naturali: tutti quelli più efficaci

bite notturno per bruxismo

Bite notturno per bruxismo: i più comodi e più efficaci

quanto costa un bite per il bruxismo

Quanto costa un bite per il bruxismo? Prezzo e consigli utili

Dormire bene blog
Please create your mobile navigation.